Curiosità sugli olivi

Ecco come nascono le Olive!

allegagione copertina

INTRODUZIONE

Dopo la nascita delle mignole e lo sbocciare dei fiori durante le fasi di mignolatura e di fioritura dell’albero, inizia la fase più importante e cruciale del ciclo di vita degli ulivi: l’allegagione.

Solitamente, tra la fine di maggio e la prima metà di giugno (salvo particolari situazioni meteorologiche e sbalzi di temperatura) sui rami degli ulivi iniziano a comparire le prime piccole olive.

Ma come nascono?

Allegagione

L’allegagione è la fase fondamentale del ciclo di vita dell’albero di ulivo perché è proprio in questo momento che iniziano a nascere i primi frutti da cui possiamo produrre il tanto amato e prezioso olio EVO.

Come avevamo già accennato nell’articolo “Mignolatura o Fioritura? Due fasi di vita dell’ulivo”, solo una piccola parte dei fiori che sono sbocciati nel mese di maggio si trasformeranno in frutto, ossia in oliva.

Durante questa fase del ciclo di vita dell’ulivo, si determina la quantità di frutti che l’ulivo sarà in grado di sostenere e sviluppare fino alla fase di maturazione delle olive.

L’ottima resa dei frutti e la salute generale dell’ulivo si potrà garantire proprio durante questa fase vitale dell’albero.

Il processo di Allegagione dell’ulivo

Ma quando ha inizio questa fase? L’allegagione, di solito, si verifica nel mese di giugno, verso il termine della primavera e dopo la fioritura dell’albero.

L’ulivo, durante questa fase, produce un’elevata quantità di fiori, di cui solo una parte è in grado di sostenere e sviluppare (o meglio trasformare in frutto). Impiegando tutte le risorse e il nutrimento che ha a disposizione, esso riesce a trasformare in olive solo il 3-5% dei fiori che sono sbocciati durante la fase di fioritura.

Si tratta quindi di un meccanismo che l’ulivo sviluppa al fine di eliminare l’eccesso di fiori e consentire una distribuzione ottimale delle risorse verso i frutti rimanenti.

Perché è importante l’allegagione?

Questa fase del ciclo di vita dell’ulivo è essenziale e importantissima per vari motivi. Analizziamo insieme le principali.

1. Produzione dei frutti

In questa fase, i fiori iniziano a trasformarsi in frutti, tramite la loro fecondazione. Non tutti i fiori partecipano alla formazione del frutto: solo una piccola parte è destinata ad allegare, ossia a trasformarsi in olive, a causa dell’elevata difficoltà di impollinazione dei fiori di ulivo e dell’alta percentuale di varietà di ulivi autosterili, non in grado di impollinarsi da soli.

Questa fase risulta essere una delle più importanti perché determina la quantità di frutti che compariranno sull’albero e che, in seguito, verranno raccolti per produrre olio d’oliva.

2. Frutti di qualità

L’allegagione contribuire a garantire una produzione buona e di qualità di frutti. Rimuovendo l’eccesso di fiori che sono nati durante la fioritura, l’ulivo riesce a concentrare le sue sostanze nutritive sullo sviluppo dei fiori rimanenti (gestione efficiente delle risorse), consentendo ai frutti di crescere in modo molto più sano.

In poche parole: migliore resa dell’ulivo e qualità superiore dei frutti.

3. Salute generale dell’albero

Rimuovendo il carico eccessivo di frutti, si riduce lo stress che l’albero deve sopportare e si prevengono alcuni problemi come la rottura dei rami e la ridotta resistenza alle malattie.

Inoltre, in questo modo si favorisce la circolazione dell’aria e la penetrazione della luce solare all’interno dell’albero, promuovendo il fenomeno di fotosintesi e contribuendo alla crescita equilibrata della pianta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *